Reggina se hai la forza rialzati. Società e allenatore in silenzio mentre balzano voci di dimissioni, esoneri e ultimatum

di Lorenzo Vitto
articolo letto 3262 volte
Foto

Cosa bolle nella pentola di Maurizi o in quella della Reggina è come arrivare all’ultima pagina di un “giallo” e non scoprire l’omicida. Bocche cucite da ambo le parti.

La domenica vissuta al Granillo è stata caratterizzata  da una sconfitta meritata che ha lasciato sotto choc tutto l’ambiente. Inizia ad essere messa in discussione anche la permanenza di Maurizi? Ci saranno delle dimissioni in vista? Oppure la società è chiamata a compiere il primo esonero della sua breve storia? Se scricchiola la panchina lo sapremo domani alla ripresa delle fatiche o addirittura se dovessero essere prese delle drastiche decisioni nelle prossime ore.

Importante srotolare il bandolo della matassa al più presto prima che sia troppo tardi. Il confronto è di fondamentale importanza tra società, staff tecnico e calciatori, perché individuare solo nell’allenatore il capro espiatorio della delicata situazione è quanto mai gravoso anche nei confronti della società, la quale se a distanza di quasi tre mesi si sia accorta che il problema si chiamava Maurizi ha commesso un grave errore.

Gli ennesimi fischi all’indirizzo dell’allenatore, mai entrato nei cuori della gente, invitato ad andarsene dovranno fare riflettere i dirigenti costi quel che costi.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy