VERSO REGGINA-FIDELIS ANDRIA - Maurizi torna alle "antiche" abitudini: ma l'attacco, ad oggi, è un rebus

di Redazione Tuttoreggina
articolo letto 951 volte
Foto

Agenore Maurizi valuta come affrontare la Fidelis Andria. E' una sfida particolarmente sentita quella di sabato, non tanto per una qualche rivalità con l'avversaria di turno, ma perché il tecnico ha forte voglia di rivalsa dopo il doppio ko in quattro giorni tra il Cosenza e Trapani.

Ad oggi, probabile il ricorso a quel modulo testato sin dal primo giorno di precampionato, il 4-3-1-2, con il ritorno alla difesa a quattro e l'attacco a due.

Proprio la prima linea è il reparto che riserva maggiori dubbi al tecnico della Reggina. In che condizioni fisiche sono i vari Tulissi, Bianchimano e anche lo stesso Sciamanna?? Possono essere impiegati dal primo minuto? Difficile immaginare il tridente ammirato contro il Catanzaro, più verosimile assistere al tandem Tulissi-Sciamanna dal 1', con De Francesco alle loro spalle.

Gli altri dubbi riguardano la posizione di Porcino (terzino o mezz'ala), con Solerio e Fortunato che attendono le decisioni tecniche.

Bisogna segnare, mostrare una rinnovata brillantezza fisica e, sopratuitto, fare punti.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI